.
Annunci online

mariolanfranco
Al lavoro nel PD



Mario Lanfranco

Crea il tuo badge

Statistiche 

Instagram

 


mario.lanfranco@libero.it

 

I miei articoli pubblicati sul
PDNetwork Nazionale



  




Salvador Allende


Le donne che ho o che avrei votato:














Archivio:
Agosto 2007

Settembre 2007

Ottobre 2007

Novembre 2007

Dicembre 2007

Gennaio 2008

Febbraio 2008

Marzo 2008

Aprile 2008

Maggio 2008

Giugno 2008

Luglio 2008

Agosto 2008

Settembre 2008

Ottobre 2008

Novembre 2008




 

 

 

 

 
12 giugno 2008
politica interna
Il dopo petrolio

Mi appare tragico che il Centrodestra presenti la costruzione di centrali nucleari come “La Soluzione” dei nostri problemi energetici.
Lo dico poiché sono dipendente ENEL da quasi trent’anni e all’inizio degli anni ‘80 ero aggregato al Centro Termico e Nucleare di Milano per la costruzione della cosiddetta “Trino 2”.
Vi propongo quindi un intervento di Segolene Royal sul tema delle risorse energetiche in Francia e su chi gravino i costi dell’energia.
Questo intervento è importante per capire come siano complessi i problemi legati alle fonti di energia, anche in un paese come la Francia che si è affidata da lungo tempo al nucleare.
Partire oggi significherebbe avere la prima centrale funzionante fra sei – sette anni; e con quale tecnologia? Con la “seconda generazione e mezzo” o con la “terza generazione” ancora tutta da sviluppare?E gli interrogativi tecnici sarebbero molti altri.
Io credo che sia necessario ridare slancio alla ricerca sul risparmio energetico e sulle fonti di energia rinnovabili e nucleare e non perdersi in dichiarazioni di effetto solamente mediatico.

Nel futuro la primaria risorsa energetica saranno le idee.

--------------------------------------

Il dopo petrolio

Di fronte al dramma delle nostre risorse energetiche, è necessaria una scossa.
Come è possibile che le turbine inventate dai francesi, sperimentate già nell’anno 1950 nel Beauce, non vengano costruite in Francia - o se ne costruiscano molto poche?
Come è possibile che il nostro paese quasi non produca energia solare e geotermica?
Ci vuole una vera e propria mobilitazione nazionale. Si tratta di una nuova era che si apre.
Era prevedibile, ma non siamo ancora pronti.
Sarà necessario adattarsi, molto più velocemente di quello che credevamo, a un nuovo modo di illuminare, di fare calore, di muoverci.
In attesa di poter diffondere un’alternativa al petrolio, dobbiamo cercare di correggere le disuguaglianze causate dal crescente prezzo del barile di petrolio.
Soprattutto ora, senza attendere il dopo petrolio, dobbiamo investire massicciamente nelle fonti di energia rinnovabili e dobbiamo cambiare le nostre abitudini di consumo.
Sabato ho detto a Bordeaux che lo stato, attualmente gestito dalla destra, è stato irresponsabile, inetto e imprevidente.
Come si può a questo punto rimanere immobili davanti ad una rivoluzione energetica di questa natura?
Che la Francia da sola non sia in grado di ridurre il prezzo del petrolio greggio, sarà vero.
Ma che il governo francese non abbia alcun mezzo per correggere le conseguenze negative di questi prezzi esorbitanti sulla vita quotidiana dei francesi, non credo sia vero.
Dobbiamo smettere di insinuare che lo Stato non può fare nulla.
Trasformare i nostri stili di vita al fine di rendere la vita meno indipendente dall’energia, in campagna o addirittura in città, è possibile.
Gli incentivi fiscali per le imprese che utilizzano parte dei profitti per investire in soluzioni ambientali, sono possibili.
La società Total, il quarto più grande produttore di petrolio e la prima azienda in Francia, ha incassato più di 12 miliardi di profitti nel 2007.
I suoi profitti crescono naturalmente come i prezzi del petrolio esplodono.
Dobbiamo quindi organizzare una migliore distribuzione dei profitti del petrolio e incoraggiare le imprese a investire in fonti di energia rinnovabili.
Vorrei aggiungere che il Regno Unito fa già in questo modo con la British Petroleum.
L'idea di utilizzare i profitti realizzati da Total da me avanzata recentemente è stata ripresa da altri leader socialisti.
Bertrand Delanoë, Domenica, ha chiesto di "tassare la Total".
Stephane Le Foll, Lunedì, ha invece anche ricordato che il gigante petroliere "ha goduto del peso della diplomazia francese" per le sue sedi internazionali.
Noi siamo tutti sulla stessa lunghezza d'onda per distribuire meglio la ricchezza del nostro paese.

Così vedo il Partito socialista.

Critici per le crescenti ingiustizie subite dai francesi, uniti intorno alle stesse proposte, fiduciosi nella possibilità di un'altra politica, noi socialisti saremo in grado di combattere una destra che non ha capito che il mondo sta cambiando.

Segolene Royal

Qui l'intervento in lingua originale

-->
sfoglia maggio        luglio
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
dal 1° agosto 2007
questo blog è stato letto 1 volte